Se il popolo sapesse la verità sui soldi

da | 16 Apr 2020 | in evidenza, opinioni

Henry Ford è quello che ha fondato l’industria automobilistica che porta il suo nome e inventato la catena di montaggio, che tante conseguenze ha avuto sia per la società insana in cui viviamo sia per la salute mentale della popolazione di tutto il mondo. Grande magnate del capitalismo americano, a lui viene spesso attribuita la famosa frase:

“Forse è per il meglio che il popolo della nazione non conosca o comprenda il nostro sistema bancario e monetario, perché se lo conoscesse e lo capisse, credo che ci sarebbe una rivoluzione prima di domani mattina”.

La citazione è in realtà un’accurata parafrasi di Charles Binderup che il 19 marzo 1937 alla Camera dei rappresentanti (Congresso – Registro 81: 2528) sintetizzava in quel modo il pensiero e le parole di Ford.

Ciò che è certo è che Henry Ford scrisse nel suo libro My Life and Work del 1922 a pagina 179 questo:

“Le persone sono naturalmente conservatrici. Sono più conservatori dei finanzieri. Coloro che credono che le gente sia così facilmente influenzabile così da permettere alle macchine da stampa di stampare denaro come si fa per i biglietti del latte, non conoscono quella gente. È l’innata natura conservatrice della gente che ha mantenuto buoni i nostri soldi nonostante i fantastici trucchi che giocano i finanzieri e che questi coprono con termini tecnici elevati. Le persone sono dalla parte dei ”sound money” (soldi che non possono essere stampati e moltiplicati a piacere). Sono così inalterabilmente dalla parte del denaro sano che è una domanda seria come considererebbero il sistema in cui in realtà vivono e una volta saputo, cosa potrebbero fare con quella conoscenza.”

Chissà cosa la gente potrebbe fare oggi se in realtà sapesse e capisse tutti i “trucchi” che le banche e le banche centrali nascondono dietro ai “termini tecnici elevati” come quantitative easing, interest rates, spread, accommodative monetary policy, ecc. Tra gli Osanna! dei mezzi di propaganda, le leccate degli intellettuali a cottimo, il chiacchiericcio di politici ignoranti e la connivenza di governi servili e complici. “Forse è per il meglio che il popolo della nazione non conosca o comprenda il nostro sistema bancario e monetario…”

0 commenti