Il giallo di Pittsburgh

da | 6 Mag 2020 | notizie | 0 commenti

Uno scienziato viene ucciso, a casa sua, a colpi di arma da fuoco. L’assassino viene trovato morto, non distante dalla casa dello scienziato. La polizia afferma che l’assassino dello scienziato si è tolto la vita.

Lo scienziato ucciso, Dr. Bing Liu, 37 anni, lavorava all’Università di Pittsburgh, Scuola di medicina. Che ha dichiarato:

“Bing era sul punto di fare delle scoperte molto significative per comprendere i meccanismi cellulari alla base dell’infezione da SARS-CoV-2 e le basi cellulari delle seguenti complicanze. Faremo uno sforzo per completare ciò che ha iniziato nel tentativo di rendere omaggio alla sua eccellenza scientifica.”

Liu ha conseguito la laurea e il dottorato in informatica presso l’Università Nazionale di Singapore e ha completato i suoi studi post-dottorato presso la Carnegie Mellon University, secondo l’Università di Pittsburgh. Né lui né il suo presunto assassino, Hao Gu, 46 anni, erano cittadini americani.

Le cause dell’assassinio-suicidio sarebbero da ricondurre ad una “lunga disputa su un partner intimo”, ha detto a HuffPost un detective del dipartimento di polizia. Entrambi i suoi genitori vivono in Cina, secondo il suo capo dipartimento.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code